Skip to content

La crisi di mezza età: quando ci convinciamo di essere giovani dentro.

È inutile negarlo: la crisi di mezza età arriva per tutti! Il problema è che non tutti sanno come affrontarla. Oggi vorrei provare a capirci qualcosa anch’io, come sempre a modo mio: tra il serio e il faceto.

Partiamo da un dato ISTAT aggiornato al 2018: la speranza di vita in Italia, ossia la durata media della vita. Le donne vivono mediamente 85 anni, gli uomini circa 81.

Stando a questo, la mezza età arriva, calcolatrice alla mano, poco dopo i fatidici “quaranta”: a 42 anni e mezzo per le signore, a 40 e mezzo per i signori.

Quando faccio notare questo dato ai miei amici, puntualmente, mi mandano a quel paese senza giri di parole. La verità fa male!!!

Ma non possiamo nasconderci dietro un dito: fatto il giro di boa degli “anta” dobbiamo rassegnarci a dire addio alla gioventù. Che poi, siamo onesti: non si è più “giovani” nemmeno a trent’anni!

La crisi di mezza età Fatto sta che noi nati tra gli Anni Sessanta e Settanta abbiamo deciso di restare giovani a tempo indeterminato ed abbiamo cancellato dal nostro vocabolario parole come “adulto”, “maturo”, “signora”, “signore”,… Rifiutiamo l’occhialino da lettura perche fa troppo “anziano”, preferendo allontanare gli oggetti per metterli meglio a fuoco: come se, così facendo, nessuno si accorgere mai della nostra presbiopia. Ci offendiamo se un “veramente giovane” ci parla dandoci del “Lei” e quasi lo rimproveriamo per la sua buona educazione.

In palestra E cosa non siamo disposti a fare per mostrare agli altri quella “eterna giovinezza” che ci convinciamo di poter vivere?! Ed eccoci alle prese con tinture e trapianti di capelli, botox, acido ialuronico, stiratine, sollevamento di tetti e chiappe dal Roy De Vita di turno, pressoterapia, massoterapia, palestra, camera iperbarica, abbigliamento da bimbiminkia e patti col diavolo che, a confronto, Dorian Gray togliti di mezzo!

Ma la vecchiaia è più ostinata di noi. Lei, come il Natale di Maina, “quando arriva, arriva”! Ed è inutile che ci ripetiamo il mantra “L’IMPORTANTE È ESSERE GIOVANI DENTRO”!

Possiamo anche avere il cervello veloce e performante, essere mentalmente moderni, ma dobbiamo fare i conti col contenitore del nostro cervello. Per quanto possiamo correre ai rimedi di cui sopra, il corpo cede sempre prima del cervello! Quindi, miei cari Lettori over quaranta, armatevi di pazienza e, che vi piaccia o no, di antidolorifici… ne avrete bisogno!

Insomma, Amici miei, l’unica cura alla crisi di mezza età è la rassegnazione!

Rassegnatevi gente, rassegnatevi!

 

Crisi di mezza età

Florinda

Florinda

Nata a Bari e cresciuta nell'hinterland, zitella per scelta altrui, da sempre "personaggio" controcorrente, si spende affinché la Cultura diventi di moda più dei tatuaggi (lei ne ha 9... per ora!) e i giovani imparino che essere individualisti (con una puntina di egocentrismo) è decisamente più appagante del farsi inglobare in un unicum omologato fatto di rituali e convenzioni. Se un dio esiste, lei gli ha chiesto in dono un cervello funzionante rinunciando ad un bel décolleté!

Articoli - Website

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...